Archivio

Archive for the ‘Polca’ Category

Pillole: Tradizione


Jenische4Da secoli vive in Svizzera una popolazione  d’origine zingara, gli Jenische, diffusa anche in Francia, Germania, Austria ed altri paesi europei. Sono in genere piccoli artigiani e commercianti ambulanti.

Nel 1926 una società “filantropica” svizzera, la Pro Juventute, creò una sezione destinata … una sezione destinata ai figli degli Zingari e degli Jenische, l’Opera di soccorso per i figli della strada. I bambini venivano rinchiusi in istituti e ogni contatto con i parenti veniva loro impedito: veniva cambiato loro il nome perché le famiglie non potessero rintracciarli e si diceva loro che i genitori erano morti.

Venivano poi affidati soprattutto a contadini, senza alcun intervento del tribunale. Parecchie ragazze furono sterilizzate. Tutto ciò per estirpare la mala erba del nomadismo, per estinguere le genti nomadi ‘asociali’ per antonomasia e quindi pericolose per una società ordinata bene amministrata. Un vero e proprio genocidio culturale. In un rapporto del 1950 l’istituzione si vantava che ben cinquecento bambini (di una popolazione di circa 35.000 persone) avevano ‘beneficiato’ di queste misure…Verso la fine degli anni sessanta gli Jenische si organizzarono nella Radgenossenschaft del Landstrasse (Associazione della ruota della strada maestra) e assieme a Pro Zigania Svizzera iniziarono una lotta giuridica e politica, che portò nel 1973 alla chiusura della sezione per i figli della strada della Pro Juventute. Nel 1986 il presidente della Confederazione elvetica, Alfons Egli, chiese pubblicamente scusa. Poco dopo fu istituito un fondo per la ricostituzione delle famiglie, ma per la maggior parte di loro è ormai troppo tardi.

Jenische1

Mariella Mehr è una ‘figlia della strada’, una delle oltre seicento piccole vittime strappate alle famiglie. Scrittrice, poetessa, giornalista, si è attivamente impegnata contro i soprusi e le violazioni dei diritti più elementari della sua gente ed ora, in questo libro, ci offre la sua storia emblematica della psicoterapia che le ha permesso di uscire dai sentieri della follia, su cui le ‘misure educative’ l’avevano avviata. Già sua madre era stata oggetto delle ‘cure’ della Pro Juventute. Strappata a cinque anni alla famiglia, istituzionalizzata fino a venticinque anni, era affondata in una schizofrenia paranoica che l’aveva portata a tentare di uccidere la stessa figlia, nata prematura il 27 dicembre 1947, una data che segna l’inizio di una immane lotta per sopravvivere nonostante tutto, sostenuta dalla forza dell’odio, in una chiusura autistica col silenzio quale unica arma di difesa contro l’aggressione esterna. “In realtà sono caduta in un oceano di disgusto, di freddo, di esilio. l’odio e la disperazione di mia madre mi hanno vomitata in un paesaggio di orrore. Mi ha fatta pietrificare prima ancora di essere vissuta”. La bambina diventa un urlo, un urlo disperato, pietrificato e Steinzeit, tempo di pietra, è significativamente il titolo originale del libro.

Jenische2Tutta la sua storia è una storia di violenze inaudite. Da piccola viene rinchiusa al buio, picchiata per la sua paura, la sua solitudine, il suo mutismo. Poi le viscide attenzioni di un ‘padre’ affidatario, la violenza carnale di un medico, gli elettroshock ripetuti, le terapie chimiche estreme perché ritenuta un ‘caso incurabile’, esibita nelle lezioni cliniche come esempio tipico di una razza tarata, la vita disperata alla ricerca di se stessa in una città simbolicamente chiamata Zero.

E quando il bisogno di un minimo di calore umano la spinge fra le braccia di un uomo, viene ancora punita con il carcere e il figlio, il piccolo Cristoforo, le è tolto per sempre.

È tutto un susseguirsi di brandelli di ricordi, che straziano la coscienza, che si richiamano, si accavallano, scavano sempre più a fondo nel subconscio, si compongono fino a tracciare il quadro allucinante delle vicissitudini di Silvana, di una creatura marchiata sin dalla nascita dalle assurde teorie dell’ereditarietà negativa delle genti nomadi, quelle stesse teorie che hanno portato al genocidio degli Zingari sotto il Nazismo, un olocausto dimenticato che contò più di mezzo milione di vittime.

Jenisch3Ma il libro vuol essere anche un appello per quanti hanno a cuore il destino dei bambini, in particolare per quelli istituzionalizzati, esseri senza diritti anche nella civilissima Svizzera, perché non venga meno la comprensione e un soffio di calore umano “per i cuori infantili mutilati dall’assenza di amore”, perché non tutti hanno la sua forza di analizzarsi fino allo strazio delle immagini fantasmagoriche della paura, rese con grande forza poetica, al di sopra di una società che copre con un manto di ipocrita moralità un mondo di malvagità.

(da “Storia dei bambini Zingari” estratto di Mirella Karpati)

Oggi la storia non è cambiata. Mio figlio fu sequestrato dal Pretore razzista Pedrotti con aiuto di numerosi funzionari (menzionati con nome e cognome nelle pagine precedenti), fu distrutta la mia attività professionale e ritirato il permesso di residenza C dopo 38 anni di permanenza in Svizzera.

Finora nessuno ha fatto nulla per correggere questa ingiustizia, ne gli attori, ne le autorità e nemmeno le numerose organizzazioni non governative, abbondantemente finanziate dai fondi pubblici e ufficialmente dichiarate di protezione dei figli e dei genitori.

Dal 1928 non è cambiato nulla. I bambini degli “stranieri” in Svizzera rimangono la libera preda dei xenofobi annidati a tutti livelli delle autorità e della società.

Pillole: in-Gulfi-ta

1 giugno 2014 3 commenti

Inizio dove iniziano tutte le storie, le fiabe, le favole e le truffe politiche, cioè all’inizio. Correva l’anno 2014, il diciassettesimo giorno del mese d’aprile. La televisione della Sonnestube della mamma Elvezia trasmise il Falò con la Comandante Capo della Polizia Cantonale, Michela Gulfi Rigamonti, specialista nella prevenzione dei reati contro minori (che titolo ridondante!)

MichelaGulfi2C’è sempre una ragione per una apparizione simile e anche questa non era stata un’eccezione. La CC della Polca sentì la pressione dai lettori e critici del mio blog e di tante altre voci che si levano diariamente contro Pretori, procuratori Pubblici, enti sociali di ogni tipo e la Polca stessa per interventi a senso unico e con ideologia socialista-femminista di tipo più vile e dannoso. Vile, poiché assesta coltellate nella schiena dei padri divorziandi, e dannoso, poiché distrugge ai bambini il loro focolare sicuro, allontanando una parte delle persone di loro riferimento e agevolandone la sostituzione con estranei incuranti e spesso indifferenti, malevoli o addirittura veramente cattivi e dannosi.

La Signora CC della Polca si è quindi avventurata sul mio campo minato, senza sapere dove veramente si trovava. Il giorno successivo ricevette la mia posta elettronica seguente:

Gentile Signora ecc. ecc.,

Ho visto la sua apparizione in Falò e accetto il Suo invito a denunciare i reati contro minori nell’ambito famigliare. Allo scopo della presente denuncia dovrà purtroppo considerare, che fanno parte della “famiglia”, rea di tali crimini, anche le persone non consanguinee e non legate da una unione coniugale o di convivenza.

Antecedenti (legga qui, se non l’avesse già fatto mille volte): denuncia pubblica dei fatti antecedenti

Sono certamente moderatamente felice, che Lei sia ritornata dall’indagine sui pesci-palla a Charme-El-Sheikh sana e salva e che gli squali locali non abbiano preferito la carne di poliziotta Svizzera al posto di quella dei turisti Italiani e Francesi.

Denuncia: con la presente denuncio quindi Lei e i suoi complici, pretore Pedrotti, la fu PP Manuela Minotti Perrucchi, l’avvocato Guidicelli, psicologhe, membri delle varie istituzioni coinvolte (tutte!), ignoti associati delle varie istituzioni femministe, lesbo, socialiste e comuniste, oltre a quanti altri potessero risultare coinvolti nel corso delle indagini, per aver prodotto falsi attestati, per aver giurato falsamente e presentato false denunce, per aver agito scientemente o sotto l’influsso di pregiudizi ideologici, sciovinisti e razzisti, di droghe legali e/o illegali (secondo la legislazione Svizzera), per aver proferito minacce (suoi colleghi di lavoro e/o subalterni) e per aver agito in qualsiasi modo legale o illegale, palese o occulto, allo scopo di:

1) Impedirmi con ogni mezzo di difendere mio figlio minorenne dalle aggressioni di sua madre e del convivente della stessa

2) Distruggere la mia attività professionale e con questo le mie fonti di reddito

3) Diffamarmi presso clienti, fornitori, amici, conoscenti e tutta la società civile

4) Montare un falso processo per violazione (inesistente!) della LFid

5) Nominare persone di parte, non qualificate a produrre analisi e opinioni di “esperti” da usare nell’ambito procedurale

6) Falsificare orari nei rapporti ufficiali di Polca per rubare fondi delle assicurazioni a beneficio di membri del corpo di polizia

7) Rubare la parte più importante della mia collezione d’armi, comprata in modo legale e con permessi dell’ufficio competente

8) Impedire ogni contatto con mio figlio e fare in modo che egli continui a vivere sotto il controllo esclusivo di sua madre

9) Provocare la cancellazione del mio domicilio in Svizzera e fare in modo che sia condannato e ricercato per reati mai commessi o che comunque non sarebbero stati tali se non ci fossero le condanne fasulle (LFid) e provocate dal Pretore (alimenti).

Situazione attuale:

Quando visse con me, mio figlio era il primo della classe, un bambino solare e aperto, intelligente e con mille progetti per la vita. Ora vive da quasi diciottenne moralmente distrutto, chiuso, passivo e impaurito. Viene tutt’ora maltrattato psichicamente dalla madre (cocainomane) e abusato fisicamente dal suo convivente. Ha ripetuto due volte l’anno e anche ora sta al limite di essere congedato dall’istituto.

Tutto questo, grazie a Lei e ai suoi complici summenzionati. Non credo in Dio come non credo nella Sua sincerità. Ha abbandonato mio figlio per una vacanza, ha minacciato me per le Sue idee politiche, sessuali e sociali. Ha contribuito forse in modo determinante alla mia distruzione e alla distruzione e alienazione di mio figlio.

Complimenti, Comandante Capo della Polizia, unita speciale di distruzione di famiglie, figli e padri di famiglia in particolare.

Vedrò il seguito della presente denuncia con un’indagine vera a carico dei malfattori, in particolare della madre e del suo convivente, oppure scaricherà la Sua ira contro di me e scapperà un’altra volta in qualche luogo esotico per un’indagine sul sesso degli angeli?

Distintamente,
N N alias José Ortiga Renegado

E poi silenzio fu. A distanza di cinque giorni le mandai la seconda lettera:

Gentile Signora ecc. ecc.,

Cinque giorni sono tanti per pensare, se Lei fosse stata sincera e con determinazione vera di agire come parla. Mio figlio viene picchiato a intervalli stretti da un uomo estraneo alla famiglia e ricattato da sua madre (che al tempo del nostro incontro sniffava cocaina e fumava erba, e probabilmente non ha cambiato i vizi) e io, grazie al gruppo “separazione programmata delle famiglie” e “distruzione dei padri”, legalmente non posso farci nulla e illegalmente non me la sento di procedere.

Essere genitori, madri o padri, non è un diritto ma un dono, un regalo, un privilegio. I genitori non sono proprietari dei loro figli ne da minorenni ne dopo i 18 anni. Ha mai pensato, che l’apparato repressivo di polizia e il “potere giudiziario” (che orrore questa nomenclatura!), del quale Lei fa parte, considera in realtà i bambini alla stregua di proprietà, di schiavi, che vanno assegnati alla mercé delle madri, che possono fare quello che a loro piace e pare?

Lei mi avrebbe potuto rispondere con diniego o con affermazione di pronta azione a carico dei torturatori di mio figlio, ma mi avrebbe dovuto rispondere. Invece ha scelto il silenzio ……. e, forse, ritorsioni nei miei confronti. Con me non funziona più cosi. Mi avete distrutto tutto e non potete più farmi del male nemmeno uccidendomi. Forse lo contrario.

Chi odia gli altri odia sempre inconsciamente anche se stesso. L’odio alimenta il caos e le sue cellule impazziscono e si trasformano in cancro. Così mori Chavez e così si autodistrusse Manuela Minotti Perucchi. Lei mi odia poiché rappresento il contrasto tra quello che Lei sogna e quello che Le hanno insegnato e imposto di fare. Non lo faccia più. Questo é un gioco, che uccise Chavez e Manuela.

Non Le scriverò più, ma non finisce qui. Posso far parlare Falò anche del mio caso e della verità dietro le Sue belle parole pubbliche. E lo farò.

Distintamente,
N.N.

Passò aprile, passò maggio e siamo entrati nel periodo delle pagelle e delle future vacanze. La Comandante Capo Manuela Gulfi Rigamonti continua a tacere. Dov’è il suo impegno di proteggere bambini e adolescenti, tanto pomposamente dichiarato in Falò? La signora Polca tace e continua a fare quello che sa di meglio: niente, se si tratta di proteggere i padri e figli, tutto se invece va in guerra per una madre traditrice e i piccoli schiavi del suo convivente – patrigno.

Tace ma non riposa. Le donne in carriera, anche (o sopratutto) quando le rughe di cattiveria le demoliscono la faccia e gli uomini spariscono dai dintorni, si riciclano e si consolano con i soldi.  Ho già visto le situazioni simili a Milano e a Ljubljana. Una funzionaria pubblica e l’altra procuratrice pubblica. Entrambe sul fronte anti-padri-figli. Entrambe hanno formato una fondazione di protezione dei bambini stile one-(wo)man-band per mungere i fondi pubblici. Possibile che la Comandante Capo fosse un eccezione? Il 10.10.2011 nacque la FONDAZIONE DELLA SVIZZERA ITALIANA PER AIUTO, SOSTEGNO, PROTEZIONE INFANZIA (ASPI). Socio unico, firmatario unico, beneficiario (???) unico: Michela Gulfi Rigamonti di Rovio. Voglio sapere quanti soldi ha raccolto, quante sovvenzioni ha ricevuto e dove li ha spesi. Chi lo sa, parli ora! Garantisco l’anonimato.

MichelaGulfiMi hanno accusato di essere colpevole della repentina malattia e morte di Manuela Minotti Perrucchi. Lo stesso hanno detto per la disgrazia di un’avvocata, che ha tentato di truffarmi e danneggiarmi e della giudice Slovena che soffre di tumore e che non durerà fino a Natale. Dicono che oltremare ho imparato la magia nera, che sgozzo i galli e gatti neri, che faccio bambole Woo-Doo e simili fesserie. Vox Populi. Forse dovrei provare se ho davvero i poteri. Non si sa mai.

Vi chiederete perché quella faccia incavolata di Michelina? Voi non lo sapete ma Michela ed io si: durante il fine settimana seguente al Falò il tag “Michela Gulfi” ha fatto raggiungere dal Google il mio blog con sei volte tanti utenti quanti hanno raggiunto tutte le altre pagine dell’Internet insieme. Grazie Michi!